Albo d'oro Caduti del Lazio nella prima guerra mondiale 1915 - 1918


BRIGATA "BASILICATA"

(91° e 92° Fanteria)

Sede dei reggimenti in pace:Torino.

Distretti di reclutamento:Catanzaro, Lodi, Lucca, Palermo, Savona, Varese.

 

anno 1915

anno 1916

anno 1917

anno 1918

 

Home

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anno 1915

All’inizio della guerra la brigata trovasi accantonata a Longarone alla dipendenza della 10a divisione. Trasferitasi nel Cadore, il 15 giugno si schiera col 91° a Forcella Zovo - Passo Longerin - Forcella di Dignas e col 92° ad Auronzo; in questo giorno il II/91° tenta l’attacco di Cima Palombino e di Forcella di Dignas, e, non riuscendo per la viva reazione austriaca a realizzare vantaggi, si ritira a Forcella Longerin.
Il 2 luglio il 91° si sposta nel tratto fra Cima Canale - M. Chiadenis - M. Avanza. Il 9 e 10 luglio sono tentati vari attacchi per l’occupazione di M. Cavallino riusciti infruttuosi; il 18 luglio il II/91° ed il III/92° insieme con reparti alpini e bersaglieri, ritentano l’operazione contro lo stesso obbiettivo, riuscendo a mettere piede in alcuni elementi avanzati a sud-est di detta posizione. L’occupazione è per altro di breve durata, poiché la linea conquistata è poco dopo sgombrata e le truppe sono ritirate in Val Digon.
Il 4 agosto ha inizio l’operazione per la conquista del M. Rotheck: vi concorrono due battaglioni del 92° (I e III) ed il I/91° che svolge azione dimostrativa verso le posizioni nemiche di Cima dei Frugnoni.
Il I/92°, dopo penosa marcia notturna e sotto intenso fuoco avversario, riesce a conquistare una forte posizione sulla sommità del Rotheck. Dopo dura lotta, prolungatasi per otto ore, la posizione deve essere sgombrata per gli insistenti e tenaci contrattacchi del nemico, che producono gravi perdite consistenti in 39 ufficiali e 1049 uomini di truppa.
Per il valore e la tenacia dimostrati dal I battaglione nel combattimento del 4 agosto la Bandiera del 92° fanteria fu decorata della medaglia di argento al valor militare. 
Il I/91°, il III/91° ed il III/92° il 6 settembre svolgono altra azione offensiva contro le forti posizioni di Cima dei Frugnoni, ma la tenace resistenza nemica impedisce qualsiasi progresso.
Non si hanno altri avvenimenti notevoli fino al 12 ottobre, giorno in cui la brigata, ricevuto il cambio, si trasferisce a Longarone, passando alla dipendenza della 1a divisione.
Il 23 ottobre è inviata nella zona di Col di Lana ed il 27 inizia gli attacchi per l’occupazione delle posizioni nemiche sovrastanti il costone di Salesei (il cosidetto "Panettone"). Nei giorni 27 e 28, reparti del 92° tentano d’impossessarsi della forte posizione, ma subiscono perdite così gravi da dover essere ritirati dalla linea. Sono sostituiti però dal II/91° che, il 29 ottobre, riesce ad irrompere nella posizione, sorprendendo il nemico che in parte fugge ed in parte si arrende; vengono così catturati 270 prigionieri.
Altri attacchi in direzione del Sief sono rinnovati dal 6 all’11 novembre, ma senza favorevoli risultati, sì che i reparti della brigata devono ripiegare sulle posizioni di partenza, dopo dure giornate di lotta e sensibili perdite.

Segue, sino al 12 dicembre, un periodo di sosta nelle operazioni, quindi la brigata passa in zona di riposo a Lorenzago.

 

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anno 1916

Il 26 febbraio la "Basilicata" si trasferisce sul massiccio di M. Cristallo (Col Stombi - Tre Croci - Val Grande) ove i reparti si alternano nel servizio di trincea, senza avvenimenti notevoli fino ai primi di maggio.
Il 9 maggio il 91° fanteria si sposta nelle trincee di Col Rosà (Tofane) ed il 92° in Val Grande (pendici sud della Croda dell’Ancona).
L’attacco contro le posizioni antistanti al 92° ha inizio il 6 giugno; le truppe riescono a portarsi fino al primo ordine di reticolati ove sono arrestate da un intenso fuoco di artiglieria e mitragliatrici; si fermano sulle posizioni raggiunte e nei giorni successivi le rafforzano. La lotta prosegue fino al 22 giugno per tentare di aprire varchi nei robusti reticolati, ma ogni sforzo s’infrange contro l’accanita resistenza austriaca che costa alla brigata numerose perdite.

Sospese le operazioni, i reparti sino alla fine dell’anno si alternano nel presidio delle ridotte di prima linea, senza altri avvenimenti di speciale importanza.

 

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anno 1917

Il 31 marzo, la brigata, sostituita nel settore di Val Boite, inizia, a scaglioni di battaglione, la marcia per trasferirsi in Val Travignolo e l’11 aprile, a movimento ultimato, trovasi schierata in prima linea col 91° fra cima Bocche - Lago di Bocche ed il 92° nella zona Panevaggio - M. Bocche - Valle Miniere, alla dipendenza della 17a divisione. Permane in tale zona fino all’ottobre, senza svolgere azioni notevoli.
Iniziatasi l’offensiva austriaca, sulla fronte presidiata dalla brigata il nemico non esplica che attività di fuoco di artiglieria; nei giorni successivi però, in seguito alla situazione creatasi sulla fronte Giulia, la brigata riceve ordine di ripiegare sul Piave e di prendere posizione tra il M. Tomba e la stazione di Pederobba.
Il movimento ha principio il 3 novembre e si svolge regolarmente su due colonne: quattro battaglioni per Fiera di Primiero, Val Cismon e due per Val Cordevole raggiungono la seguente nuova linea di schieramento: Osteria di Monfenera - M. Tomba - Cima Naranzine - M. Monfenera - Pederobba, ove hanno inizio con alacrità i lavori di rafforzamento.
Il 10 novembre la brigata è schierata e per rendere meno rada l’occupazione, accorcia la fronte sulla sinistra fino alla quota 868 di M. Tomba.
Avanti l’ala destra del settore nord (tratto M. Tomba - M. Monfenera) della linea principale presidiata dalla "Basilicata" è schierata, sulla fronte Rocca Cisa - Monte Cornella - Piave, la brigata Como (23° e 24°), la quale trattiene vigorosamente il nemico, che preme per sboccare oltre la stretta di Quero.
Il 15 novembre gli austriaci aumentano l’intensità dei loro sforzi attaccando M. Cornella e tentano invano di traghettare piccoli nuclei sulla sponda destra del Piave, in rispondenza della fronte difesa dal 91° fanteria, che ne frusta il tentativo. La resistenza della brigata Como si prolunga salda ed eroica fino al pomeriggio del 17, nel quale il nemico, aumentato di forze, riesce ad avere ragione degli assottigliati reparti e scende nelle conche di Quero e di Alano. I superstiti, combattendo, ripiegano dietro la linea Tomba - Monfenera - Piave. 
Rotta così la linea avanzata dello sbarramento di Quero, il nemico si getta contro la fronte principale, difesa dalla "Basilicata" dalla quale dipendono, oltre i suoi reggimenti, due battaglioni del 60°, due battaglioni alpini ed il LVIII battaglione bersaglieri.
Il 18 novembre il nemico attacca vigorosamente il tratto M. Tomba - saliente di Monfenera - La Castella, e puntando in forze più specialmente contro la fronte del III/91° e l’ala destra del 92° riesce a vincere, a costo di perdite sanguinose, l’eroica resistenza che i nostri gli oppongono accanitamente. Irrompe così nelle sconvolte trincee, e, incuneandosi poi fra i due reggimenti, s’impadronisce della parte nord-orientale del saliente del Monfenera, che i reparti, minacciati d'aggiramento, hanno dovuto sgombrare.
Reparti del 91° fanteria, unitamente al XXV battaglione bersaglieri, sferrano un energico contrattacco senza riuscire a rioccupare completamente le posizioni perdute, ma ristabilendo il collegamento tra i due reggimenti. L’azione, rinnovata nei giorni successivi, si svolge con alterna vicenda, ma non riesce a ricacciare completamente il nemico dalle posizioni.
L’avversario il 22 novembre, con notevoli forze, sferra altro poderoso attacco, che costringe la brigata a rettificare la fronte sulla linea del Costone Campore Alto.
I reparti che hanno subito forti perdite (88 ufficiali e 1895 uomini di truppa, compreso un rilevante numero di dispersi), sono ritirati, il 26 novembre, dalla prima linea ed inviati in zona di riordinamento nei pressi di Crespignaga.

Il 13 dicembre la brigata, alla dipendenza della 59a divisione, rientra in prima linea col 92° nel tratto Osteria del Lepre - q. 1480 di M. Asolone ed il 91° di rincalzo sul rovescio del predetto monte, in Val S. Lorenzo. Il nemico, dopo due giorni di intenso bombardamento il 18 dicembre attacca le nostre posizioni di M. Asolone; la brigata con salda tenacia resiste al forte urto e nei giorni successivi appoggia validamente l’azione di unità laterali.

 

Torna su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anno 1918

Segue un periodo di sosta nelle operazioni; l'8 gennaio, la brigata, ricevuto il cambio, si trasferisce nei pressi di Bassano per un periodo di riordinamento e di riposo, passando alla dipendenza della 18a divisione.
L'11 di febbraio ritorna in prima linea nel settore di Monte Asolone ed alternando i reparti nel servizio di trincea, trascorre un periodo di relativa calma fino al 3 giugno, quindi scende in zona di riposo nei pressi di Bassano.
Il 14 giugno, in previsione dell’offensiva nemica, essa schiera il 91° lungo la linea marginale del Grappa nel tratto: Strada del Grappa - Capitello - q. 1139 (M. Oro) Osteria del Pianoro ed il 92° in Val Pertuso.
Il 15 il nemico, dopo violento tiro di artiglieria, riesce ad occupare una parte della linea di resistenza del Grappa e a conquistare con asprissima lotta il tratto : Col Moschin - Col Fenilon - Col Fagheron.
Accorrono allora i rincalzi (un battaglione del 91°, due del 92° ed il IX reparto d'assalto) che arginano l’offensiva nemica e riprendono il Fenilon. Nelle prime ore del 17 il I/92° e reparti del IX reparto d’assalto con slancio ed ardimento attaccano le trincee di Col Moschin e le riconquistano catturando 250 prigionieri e molto materiale bellico.
Il giorno 24, iniziate le operazioni per rioccupare Col Caprile e Col Berretta, la brigata vi concorre attivamente, scattando verso l’obbiettivo: Col del Miglio - Col degli Orbi, ma, ostacolata da un intenso fuoco di mitragliatrici, non progredisce che lievemente, ottenendo qualche vantaggio utile per la sistemazione della linea Col Moschin - Osteria del Pianoro.
Il 2 luglio tre battaglioni (II/91° - III/91° - II/92°) rinnovano altro attacco conquistando di slancio il costone di Col del Miglio e catturando 560 prigionieri.
Il 25 luglio la brigata, ricevuto il cambio, si trasferisce nei pressi di Bassano per un periodo di riposo.
Per il tenace valore, ferma disciplina, slancio ed ardimento dimostrati dai reparti nei combattimenti del Monfenera (9 - 20 novembre 1917), del Col Fenilon (15 giugno 1918) e di Col del Miglio (2 luglio 1918) le Bandiere del 91° e 92° reggimento furono decorate di medaglia d’argento al valor militare.
All’inizio della nostra offensiva dell’ottobre, la brigata è schierata nelle trincee di Col Moschin - Col Fenilon e partecipa il 24, all’azione per la conquista della linea Col Caprile - q. 1292: ma la resistenza nemica ed il violento tiro di artiglieria arrestano ogni tentativo di avanzata.
Nei giorni successivi passa in riserva divisionale. La mattina del 31 viene ripresa l’azione offensiva ed il 91° occupa con grande slancio la q. 1292 di Col Caprile.
Nel pomeriggio, vincendo deboli resistenze, avanza sino a Cismon catturando 4100 prigionieri e proseguendo sino a Tezze.
Il 92°, seguendo il movimento, raggiunge la linea q. 1254 - q. 1292.
Le perdite di questa azione sommano a 23 ufficiali e 1038 uomini di truppa.

Il 3 novembre tutta la brigata è riunita nei pressi di Arsiè ed il 4, alla sospensione delle ostilità, trovasi tra Strigno e Scurelle.

 

Torna su