Albo d'oro Caduti del Lazio nella prima guerra mondiale 1915 - 1918


 

 

 

MONTE CENGIO
Realtà e leggenda di un campo di battaglia

di Paolo Volpato e Paolo Pozzato

Itinera Progetti Editore – Bassano del Grappa

 

1^ edizione Marzo 2006

Introduzione.

La battaglia per il Monte Cengio rappresenta certamente uno degli scontri decisivi dell’offensiva austriaca della primavera del 1916, la Strafexpedition, almeno sull’Altopiano di Asiago.
Vi furono coinvolti, da una parte e dall’altra i migliori reparti: per l’Esercito italiano i Granatieri di Sardegna, per l’Esercito imperiale austro-ungarico il 59° ed il 47° Reggimento. Nulla di strano, quindi, che realtà e leggenda di questa battaglia si siano strettamente mescolati nella sua ricostruzione, complice anche la particolare morfologia del luogo.
La montagna che cade a strapiombo sulla Val d’Astico, ha visto combattere in scontri ravvicinati, al limite del contatto fisico, soldati di due eserciti che si stavano giocando una partita che poteva essere decisiva per le sorti del conflitto. Le rocce insanguinate dai caduti sono ancora oggi mute testimoni della battaglia ed accolgono i visitatori quasi in un abbraccio, un percorso che mette i brividi sia per i ricordi che evoca, sia per l’arditezza della posizione.
Il pregio del libro è proprio quello di accompagnare il lettore nei luoghi della battaglia, non solo il Cengio ma anche Cesuna, la quota 1152, le tante elevazioni che costituirono altrettanti baluardi da espugnare. E la certosina raccolta delle testimonianze di prima mano dei partecipanti ai combattimenti, rapporti e relazioni di ufficiali catturati, ne costituisce un complemento indispensabile che rende giustizia e verità al valore di un intero Corpo militare che per sempre ha legato il suo nome e le sue radici su queste terre: i Granatieri di Sardegna.